post

[:it]Sei curioso di scoprire qualcosa in più sui cibi romani tipici?

La cucina tipica romana tratta materie prime molto semplici, che derivano dalla tradizione rurale del quadrante.

In questo articolo ti racconteremo qualcosa in più sugli alimenti alla base delle ricette tradizionali romane, sulla loro origine e sulla loro diffusione sul territorio laziale.

Hai già l’acquolina in bocca? Iniziamo subito!

Ecco le materie prime della cucina romana alla base dei piatti della tradizione

Abbacchio

La tradizione dell’abbacchio nel Lazio ha origini molto antiche. Infatti l’allevamento ovino è sempre stato molto diffuso nella regione e ancora oggi possiamo osservare bellissime immagini di una realtà agricola che altrove si è persa.

L’abbacchio è un agnello da latte che, di norma, non ha più di un mese di vita e il cui peso non supera i sette chili. Gli agnelli vengono allevati allo stato brado e crescono prevalentemente con una dieta a base di latte materno. L’agnello laziale, dal 15 giugno 2009,è insignito della certificazione di Indicazione Geografica Protetta (IGP) e non solo:

con la nascita del Consorzio per la tutela dell’IGP Abbacchio Romano l’iter per la produzione è stato salvaguardato valorizzando gli aspetti legati alla tradizione.

Carciofi e broccoli

I carciofi e i broccoli sono prodotti molto apprezzati nella cucina romana. Ottimi come contorni o come base per gustosi primi piatti, carciofi e broccoli si prestano a numerosissime preparazioni.

Il carciofo romanesco del Lazio vanta, a livello europeo, la certificazione di Indicazione Geografica Protetta (IGP). Viene prodotto nei territori delle province di Viterbo, Roma e Latina.

Il broccolo romanesco è conosciuto in quest’area da tempi lontanissimi. Era considerato sacro da romani e greci, che lo utilizzavano per curare alcune malattie mangiandolo crudo, o ne usavano le foglie per medicare le ferite.

Tra le zone di produzione ricordiamo la provincia di Roma, in particolare Santa Marinella, Trevignano e Albano Laziale, dove viene coltivata una speciale varietà di broccolo definita anche “broccolo capoccione”.

Patate

La coltivazione di patate è molto diffusa nella regione Lazio, in particolare nella parte settentrionale. La patata dell’alto viterbese si sviluppa sui terreni di origine vulcanica tipici della zona del lago di Bolsena.

Ha diversi impieghi in cucina: può essere utilizzata come contorno, lessa, come ingrediente sulla pizza o per realizzare gli gnocchi, celebre primo piatto romano

Pecorino Romano

Il pecorino romano è uno dei formaggi più amati della regione. Insignito della Denominazione di Origine Protetta (DOP), è prodotto nei territori del Lazio, della Sardegna e della provincia di Grosseto.

Le prime testimonianze della produzione di questo formaggio arrivano dall’Impero Romano. Descritto da molti autori della vecchia Urbe come Plinio il Vecchio, Marco Terenzio Varrone e Publio Virgilio Marone, il pecorino era già un ingrediente diffuso nella cucina romana antica.

I suoi usi nella cucina laziale sono moltissimi, ma è sicuramente fondamentale per completare la ricetta della famosa pasta all’Amatriciana.

Cucina tipica romana: gusto e tradizione all’Osteria Romana

Non vedi l’ora di assaggiare una carrellata di cibi romani tipici?

Ti aspettiamo nel nostro ristorante, in Via San Paolo alla Regola 29/31 per un pasto indimenticabile.

Per prenotare il tuo tavolo compila il form o chiamaci allo 066861917.[:]